farmaci e meditazione

farmaci e meditazione

Joined: October 23rd, 2012, 12:09 pm

January 13th, 2018, 2:11 pm #1

Salve, avevo postato un messaggio ieri ma non lo vedo....ci sarà stato qualche imprevisto.
Non c'è alcun problema lo riporto pari pari, l'avevo salvato nel PC
Se invece era in attesa di essere pubblicato cancellate questa copia. Grazie

Caro David,
pratico la TNAS da 5 anni e sono felice!
Qualche anno fa ebbi un "check meditation" con te e Fabrizio perchè mettevo sforzo nella
mia pratica, e da allora tutto è andato a posto.

Scrivo per un altra questione: circa 3 mesi fa ho avuto un piccolo trauma alla schiena mentre
lavoravo, e in seguito ad una compressione lombare, un nervo si è infiammato causandomi
dolore.

Dai medici mi è stato spiegato che non ci sono conseguenze per la mia salute, però questo
tipo di infiammazioni sono lente a passare (diversi mesi), il nervo porta dolore riflesso
anche all'addome, ai fianchi e alle cosce.
In attesa i medici mi hanno proposto la fisioterapia e i farmaci per alleviare il dolore, ben
venga la prima, ma ai farmaci convenzionali sono contrario così ho trovato un medico specializzato
in terapie naturali che mi ha prescritto il Bredocan (che in pratica è la cannabis - che tra
l'altro è anche difficile da reperire nelle farmacie -), per alleviare i dolori.
La prescrizione è di prendere il farmaco la mattina e la sera infuso in acqua calda, sapendo
che potrebbe alterare il sistema nervoso lo prendo dopo le sedute di meditazione.

Ho iniziato la cura 3 settimane fa e devo dire che i dolori passano del tutto o diminuiscono
(finchè dura l'effetto), però la mia esperienza di meditazione ne risente: quando mi siedo e
chiudo gli occhi per meditare mi sento intontito. Il "sentire" durante le sedute è opaco,
appannato, grossolano.
Durante il giorno invece sono irritabile, triste e la meditazione non mi lascia appagato
e felice come prima, invece quando prendo il farmaco non solo mi passano i dolori ma mi
sento bene e di buon umore (finchè l'effetto dura).

Ho raccontato tutto ciò al medico e mi ha detto che il farmaco mi curerà lo stesso e che per
risolvere il problema potrei momentaneamente smettere di meditare (non ci penso nemmeno).
Ho provato a spiegargli i mille benefici della TNAS....ma non sembra aver capito.
Ho chiesto se potevo ridurre il dosaggio, ha detto no, e lì ho capito che forse dovrei farlo
lo stesso.

Vorrei un tuo parere, un consiglio.

Saluti e auguri per tutto.
Quote
Like
Share

Joined: November 20th, 2005, 5:44 pm

January 15th, 2018, 5:06 pm #2

Caro Andrea,

mi scuso per il ritardo nella risposta. Io capisco solo l'inglese e serve tempo per tradurre in due direzioni.
Ringrazio Antonluigi per il suo eccellente ed affidabile lavoro di traduzione per me qui sul forum.

Sono felice di sentire che pratichi la TNAS da cinque anni e che lo fai con soddisfazione. In particolare sono felice di scoprire che la seduta di controllo che facemmo fu utile per te (me la ricordo e mi ricordo Fabrizio che traduceva per noi. Fu difficile per lui. Volevo bene a Fabrizio e mi manca).

Conosco molto bene gli effetti della marijuana e, in generale, raccomando di non assumerla in alcuna forma, neanche in pillole.
Non ti causerà alcun danno ma inteferisce con le fasi interiore ed esteriore della TNAS.

Non spieghi perché hai rifiutato di assumere i farmaci prescritti dal tuo medico ma, come guida generale, dovremmo sempre assumere i farmaci che ci vengono prescritti. Anche se i farmaci contro il dolore non sono perfetti sono molto più compatibili della marijuana con il quarto stato di coscienza. La marijuana dovrebbe sempre essere evitata.

Ovviamente non suggerisco a nessuno che si trovi nella tua situazione di sospendere la pratica della TNAS. Questo bloccherebbe solo il tuo percorso verso il quinto e i più alti gradi di coscienza senza alcuna buona motivazione. Sarebbe uno spreco di tempo e ti lascerebbe nuovamente esposto agli stress della vita quotidiana.

Non ti suggerisco neanche di continuare ad assumere il medicinale a base di marijuana a dosaggio ridotto. Otterresti un minore effetto antidolorifico senza però ridurre l'interferenza con il processo di trascendenza.

Ti raccomando perciò di seguire il consiglio del tuo medico iniziale, assumendo farmaci ai giusti dosaggi per il tuo caso che ti permetteranno di rendere il dolore sopportabile. Nota che potrebbero servire fino a due settimane perché gli effetti residuali della marijuana scompaiano dal tuo corpo. E' più potente di quanto sembri.

I motivi per cui ti raccomando di assumere i medicinali prescritti stanno nel fatto che questi sono compatibili con la meditazione profonda e che, in ogni caso, li assumerai per pochi mesi fino a quando i tuoi nervi guariranno. Quando ne interromperai l'utilizzo lo stress aggiuntivo causato dai farmaci e dal dolore, che si libera durante la meditazione, si interromperà a sua volta.

Nell'ultimo anno ho avuto un cancro e talvolta ho avuto molto dolore a causa sua e delle cure. Ho sempre assunto i farmaci che mi sono stati prescritti dai miei medici e ho avuto ottimi risultati assumendo una quantità sorprendentemente bassa di pillole.
Il dolore, quando era presente, veniva gestito bene e il tasso di eliminazione dello stress dal sistema nervoso sembrava aumentare, cosa che succedeva a causa della malattia e delle pesanti cure e che mi richiedevano di eliminare tutto lo stress aggiuntivo.
In quel periodo ho prestato particolare attenzione a non esercitare alcuno sforzo nella pratica, senza mai forzare il mantra.

Forzare il mantra può creare stress e perciò interferisce con i benefìci che si possono ottenere dalla TNAS.

Ti auguro una rapida guarigione e una lunga vita felice

David Spector
TNAS/USA
David Spector
Volunteer President,
Natural Stress Relief/USA
Quote
Like
Share

Joined: October 23rd, 2012, 12:09 pm

January 17th, 2018, 8:30 pm #3

Salve, avevo postato un messaggio ieri ma non lo vedo....ci sarà stato qualche imprevisto.
Non c'è alcun problema lo riporto pari pari, l'avevo salvato nel PC
Se invece era in attesa di essere pubblicato cancellate questa copia. Grazie

Caro David,
pratico la TNAS da 5 anni e sono felice!
Qualche anno fa ebbi un "check meditation" con te e Fabrizio perchè mettevo sforzo nella
mia pratica, e da allora tutto è andato a posto.

Scrivo per un altra questione: circa 3 mesi fa ho avuto un piccolo trauma alla schiena mentre
lavoravo, e in seguito ad una compressione lombare, un nervo si è infiammato causandomi
dolore.

Dai medici mi è stato spiegato che non ci sono conseguenze per la mia salute, però questo
tipo di infiammazioni sono lente a passare (diversi mesi), il nervo porta dolore riflesso
anche all'addome, ai fianchi e alle cosce.
In attesa i medici mi hanno proposto la fisioterapia e i farmaci per alleviare il dolore, ben
venga la prima, ma ai farmaci convenzionali sono contrario così ho trovato un medico specializzato
in terapie naturali che mi ha prescritto il Bredocan (che in pratica è la cannabis - che tra
l'altro è anche difficile da reperire nelle farmacie -), per alleviare i dolori.
La prescrizione è di prendere il farmaco la mattina e la sera infuso in acqua calda, sapendo
che potrebbe alterare il sistema nervoso lo prendo dopo le sedute di meditazione.

Ho iniziato la cura 3 settimane fa e devo dire che i dolori passano del tutto o diminuiscono
(finchè dura l'effetto), però la mia esperienza di meditazione ne risente: quando mi siedo e
chiudo gli occhi per meditare mi sento intontito. Il "sentire" durante le sedute è opaco,
appannato, grossolano.
Durante il giorno invece sono irritabile, triste e la meditazione non mi lascia appagato
e felice come prima, invece quando prendo il farmaco non solo mi passano i dolori ma mi
sento bene e di buon umore (finchè l'effetto dura).

Ho raccontato tutto ciò al medico e mi ha detto che il farmaco mi curerà lo stesso e che per
risolvere il problema potrei momentaneamente smettere di meditare (non ci penso nemmeno).
Ho provato a spiegargli i mille benefici della TNAS....ma non sembra aver capito.
Ho chiesto se potevo ridurre il dosaggio, ha detto no, e lì ho capito che forse dovrei farlo
lo stesso.

Vorrei un tuo parere, un consiglio.

Saluti e auguri per tutto.
Grazie David e Antonluigi.

David, è sempre un piacere rileggerti, le tue parole mi suonano bene...seguirò i tuoi
consigli perchè dentro di me li sento come giusti, anzi a dire la verità ho sospeso il
Bredocan gia da ieri quando ho letto il tuo messaggio e ho iniziato il vero farmaco.

Volevo spiegare perchè ho rifiutato i farmaci convenzionali.
Evito i farmaci perchè sono anche tossici per il corpo e vengono prescritti con troppa
facilità dai medici, non mi interessa la cannabis e il suo effetto stupefacente, per me
era solo un antidolorifico naturale e credevo che fosse più compatibile del ketoprofene (
principio attivo del farmaco convenzionale), pensavo di fare la cosa giusta affidandomi
ad una pianta per alleviare i miei dolori e invece la cannabis è ancora peggio...che
fortuna averlo scoperto quasi subito.

Se sei d'accordo ti farò sapere tra qualche settimana se tutto torna a posto, grazie.
Auguri per la tua salute.

Grazie ancora per la traduzione.

Andrea.

Ps: ero affezionato a Fabrizio, anche se avevo scambiato con lui nient'altro che qualche mail.
Quote
Like
Share

Joined: October 23rd, 2012, 12:09 pm

February 7th, 2018, 9:39 am #4

Ciao David,
come avevo detto ho smesso il Bredocan (cannabis) sostituendolo con l'altro antidolorifico.
La pratica è tornata normale: le due fasi (verso l'interno e verso l'esterno) avvengono
senza problemi. La mente è limpida scendendo a volte nel silenzio profondo (anche se in
maniera disordinata) e il rilascio di stress avviene normalmente facendomi sperimentare
pensieri e sensazioni.
Volevo segnalare un fatto accaduto: la settimana scorsa, durante la seduta, ho avuto una
nuova esperienza (descriverò questo più avanti e mi piacerebbe avere una tua spiegazione
o parere) e dopo di essa un forte rilascio di stress con emozioni terribili (panico, senso
di colpa etc.) e pensieri correlati. Ero molto confuso anche per quell'esperienza appena fatta.
Comunque ho concluso la seduta nel meglio delle mie possibilità, nelle ore successive ho avuto
perfino giramenti di testa e sensazione di sconforto.
Nei giorni successivi ero triste e nervoso, per me praticavo nel modo corretto e regolarmente e
non capivo, volevo scrivere qui sul forum, ma poi ho deciso di prendermi un altro pò di tempo.
Ora, io conosco le istruzioni, ma ci ho messo due giorni per accorgermi che dopo quella esperienza
mi stavo allontanando da una pratica corretta facendo sforzo (analizzare, controllo..).
La cosa incredibile è che per due giorni ero convinto di non fare alcuno sforzo e di praticare
correttamente, è possibile?
Quindi sono tornato ad una pratica corretta e tutto sembra essere andato a posto: durante il
giorno mi sento soddisfatto e felice, mi piace la vita e la mente è ordinata.
Almeno spero, che tutto sia a posto.

Ora descrivo quella esperienza di cui ti ho accennato.
Realmente è un esperienza molto bella e gratificante, tanto da non volersene mai separare.
E' durata un istante credo (non saprei dire quanto), era come se non avessi più identità, esistevo
ma non come Andrea...(mi rendo conto che è molto difficile descriverlo a parole), non c'era tempo:
non avevo un passato, ad esempio in questo momento sono cosciente di avere una "storia personale",
le sensazioni erano di pura pace, felicità.

Sembrerà strano, ma questa esperienza mi ha scosso, non riuscivo a capirla (e neanche ora riesco), poi
l'ho accettata. Ho letto del quarto stato di coscienza o della pura consapevolezza, forse si trattava
di una di queste cose? Ad ogni modo un conto è leggere e un conto è vivere una cosa.
Potresti dirmi qualcosa su questo? Grazie David!

Grazie Antonluigi per la traduzione.

Saluti

Andrea


Quote
Like
Share

Joined: November 20th, 2005, 5:44 pm

February 8th, 2018, 12:09 pm #5

Salve, avevo postato un messaggio ieri ma non lo vedo....ci sarà stato qualche imprevisto.
Non c'è alcun problema lo riporto pari pari, l'avevo salvato nel PC
Se invece era in attesa di essere pubblicato cancellate questa copia. Grazie

Caro David,
pratico la TNAS da 5 anni e sono felice!
Qualche anno fa ebbi un "check meditation" con te e Fabrizio perchè mettevo sforzo nella
mia pratica, e da allora tutto è andato a posto.

Scrivo per un altra questione: circa 3 mesi fa ho avuto un piccolo trauma alla schiena mentre
lavoravo, e in seguito ad una compressione lombare, un nervo si è infiammato causandomi
dolore.

Dai medici mi è stato spiegato che non ci sono conseguenze per la mia salute, però questo
tipo di infiammazioni sono lente a passare (diversi mesi), il nervo porta dolore riflesso
anche all'addome, ai fianchi e alle cosce.
In attesa i medici mi hanno proposto la fisioterapia e i farmaci per alleviare il dolore, ben
venga la prima, ma ai farmaci convenzionali sono contrario così ho trovato un medico specializzato
in terapie naturali che mi ha prescritto il Bredocan (che in pratica è la cannabis - che tra
l'altro è anche difficile da reperire nelle farmacie -), per alleviare i dolori.
La prescrizione è di prendere il farmaco la mattina e la sera infuso in acqua calda, sapendo
che potrebbe alterare il sistema nervoso lo prendo dopo le sedute di meditazione.

Ho iniziato la cura 3 settimane fa e devo dire che i dolori passano del tutto o diminuiscono
(finchè dura l'effetto), però la mia esperienza di meditazione ne risente: quando mi siedo e
chiudo gli occhi per meditare mi sento intontito. Il "sentire" durante le sedute è opaco,
appannato, grossolano.
Durante il giorno invece sono irritabile, triste e la meditazione non mi lascia appagato
e felice come prima, invece quando prendo il farmaco non solo mi passano i dolori ma mi
sento bene e di buon umore (finchè l'effetto dura).

Ho raccontato tutto ciò al medico e mi ha detto che il farmaco mi curerà lo stesso e che per
risolvere il problema potrei momentaneamente smettere di meditare (non ci penso nemmeno).
Ho provato a spiegargli i mille benefici della TNAS....ma non sembra aver capito.
Ho chiesto se potevo ridurre il dosaggio, ha detto no, e lì ho capito che forse dovrei farlo
lo stesso.

Vorrei un tuo parere, un consiglio.

Saluti e auguri per tutto.
Caro Andrea,

cercherò di risparmiare il tuo tempo e ad Antonluigi lo sforzo di tradurre dall'italiano all'inglese.
Ho usato Google translate per fare questo passaggio. Non ne viene fuori un gran risultato per cui non ho capito tutto quello che hai scritto. Ti rispondo al meglio delle mie possibilità.

Sono lieto di sentire che hai interrotto l'assunzione del Bredocan e che l'altro antidolorifico funziona. Come ti ho già detto, tutte le forme di marijuana impediscono alla TNAS di esprimere gli effetti desiderati.

L'esperienza che hai avuto di rilascio di stress, sensazione di panico, senso di colpa e altre emozioni è probabilmente un rilascio di stress molto profondo (e necessario) ma, sfortunatamente, mi sembra che tu non lo abbia gestito in maniera corretta.

Quando avvengono simili potenti sensazioni durante la fase verso l'esterno del trascendere non ti devi opporre in alcun modo. Non devi resistergli, giudicarle o evitarle. Non devi usare il mantra quando la ripetizione del mantra non può avvenire senza sforzo alcuno. Devi lasciare che queste esperienze avvengano in modo che gli stress accumulati siano completamente lasciati andare e non tornino a rappresentare più un problema.

Il fatto che tu abbia avuto vertigini e sconforto nei giorni successivi mostra che sei uscito troppo velocemente dalla meditazione. Invece dei soliti 3 o 4 minuti di silenzio te ne sarebbero serviti forse dieci o anche più. Puoi anche sdraiarti per riposare se necessario. Non aprire mai gli occhi dopo la meditazione se un qualche rilascio di stress è ancora in corso. Prenditi il tempo necessario perché il processo di rilascio di stress possa placarsi e quindi interrompersi prima di riprendere le tue attività, altrimenti genererai un nuovo stress che ti affliggerà nelle ore e giorni seguenti.

Durante la meditazione non mantenere mai la mente concentrata nell'analisi di quello che succede o nel cercare di decidere cosa fare. Segui sempre le istruzioni senza sforzo. Se hai una scelta su quale istruzione seguire, segui sempre quella facile e che comporta assenza di sforzo, non istruzioni che inventi o che richiedono sforzo. Quando sorge qualche problema non aspettare a inviare le tue domande sul forum della TNAS. Rimandare di solito peggiora la situazione.

Sì, è possibile credere di non stare facendo sforzi mentre stai facendo sforzi! Questo succede perché lo stress addormenta parti del sistema nervoso e ci impedisce di discernere chiaramente ciò che sta accadendo.

Sono lieto che tu sia riuscito a riguadagnare una pratica corretta e che i sintomi che hai sperimentato siano andati via. Se mantieni costantemente una pratica corretta non vi saranno mai problemi.

Forse hai sentito parlare della "Notte oscura dell'anima" del poeta e mistico spagnolo San Giovanni della Croce, o della tentazione di Cristo -- le lotte che Gesù dovette affrontare digiunando nella natura selvaggia per 40 giorni e 40 notti (dai libri di Matteo, Marco e Luca). Le esperienze negative (dovute a rilascio di stress) sono parte del viaggio di ritorno a casa, di riconoscimento della nostra vera natura di entità Unica. Accetta queste lotte e goditi i segni del progresso e della crescita. Sei molto fortunato ad aver trovato la TNAS e nell'essere su un così veloce percorso verso la completa realizzazione della tua vita.

Sono anche felice di sentire della buona esperienza che hai avuto nella quale non ti identificavi più con la persona Andrea. La verità è che noi non siamo individui; questa è una nostra convinzione. Nella realtà noi siamo coscienza infinita e senza limiti, che sperimenta il sogno di un mondo fatto di materia, energia, spazio, tempo ed eventi. Tutto questo è un sogno che facciamo perché è divertente sognare.

Quando gli stress si placano e smettono di manifestarsi puoi avere l'esperienza della tua vera illimitata natura di pura coscienza. Durante un'esperienza simile non esistono problemi, ma solo pace e felicità, come hai sperimentato tu stesso.

Questa esperienza ti capiterà nuovamente a mano a mano che risvegli la tua vera natura, ma non devi cercare di "arrivare lì". Non devi cercare di riprodurre o replicare questo ricordo di pura consapevolezza e piena coscienza. Non accadrà ancora finché gli stress non si saranno nuovamente pienamente dissolti. Anziché cercare qualcosa che accade solo in certe condizioni, limitati ad accettare tutte le esperienze derivanti dal rilascio dello stress durante la meditazione e sii lieto che la tua vita esterna alla meditazione migliora. Grandi cose stanno accadendo.

Dobbiamo seguire le istruzioni della TNAS per ottenere i migliori risultati. Chiedi all'istituto Scientia di tradurre l'ultima versione del manuale NSR dall'inglese in italiano così che tutti i clienti italiani possano beneficiare delle istruzioni migliori. Inoltre ti prego di leggere tutto il forum della TNAS per imparare i suggerimenti che sono stati dati in risposta alle domande fatte.

David
David Spector
Volunteer President,
Natural Stress Relief/USA
Quote
Like
Share

Joined: October 23rd, 2012, 12:09 pm

February 9th, 2018, 6:31 pm #6

Salve, avevo postato un messaggio ieri ma non lo vedo....ci sarà stato qualche imprevisto.
Non c'è alcun problema lo riporto pari pari, l'avevo salvato nel PC
Se invece era in attesa di essere pubblicato cancellate questa copia. Grazie

Caro David,
pratico la TNAS da 5 anni e sono felice!
Qualche anno fa ebbi un "check meditation" con te e Fabrizio perchè mettevo sforzo nella
mia pratica, e da allora tutto è andato a posto.

Scrivo per un altra questione: circa 3 mesi fa ho avuto un piccolo trauma alla schiena mentre
lavoravo, e in seguito ad una compressione lombare, un nervo si è infiammato causandomi
dolore.

Dai medici mi è stato spiegato che non ci sono conseguenze per la mia salute, però questo
tipo di infiammazioni sono lente a passare (diversi mesi), il nervo porta dolore riflesso
anche all'addome, ai fianchi e alle cosce.
In attesa i medici mi hanno proposto la fisioterapia e i farmaci per alleviare il dolore, ben
venga la prima, ma ai farmaci convenzionali sono contrario così ho trovato un medico specializzato
in terapie naturali che mi ha prescritto il Bredocan (che in pratica è la cannabis - che tra
l'altro è anche difficile da reperire nelle farmacie -), per alleviare i dolori.
La prescrizione è di prendere il farmaco la mattina e la sera infuso in acqua calda, sapendo
che potrebbe alterare il sistema nervoso lo prendo dopo le sedute di meditazione.

Ho iniziato la cura 3 settimane fa e devo dire che i dolori passano del tutto o diminuiscono
(finchè dura l'effetto), però la mia esperienza di meditazione ne risente: quando mi siedo e
chiudo gli occhi per meditare mi sento intontito. Il "sentire" durante le sedute è opaco,
appannato, grossolano.
Durante il giorno invece sono irritabile, triste e la meditazione non mi lascia appagato
e felice come prima, invece quando prendo il farmaco non solo mi passano i dolori ma mi
sento bene e di buon umore (finchè l'effetto dura).

Ho raccontato tutto ciò al medico e mi ha detto che il farmaco mi curerà lo stesso e che per
risolvere il problema potrei momentaneamente smettere di meditare (non ci penso nemmeno).
Ho provato a spiegargli i mille benefici della TNAS....ma non sembra aver capito.
Ho chiesto se potevo ridurre il dosaggio, ha detto no, e lì ho capito che forse dovrei farlo
lo stesso.

Vorrei un tuo parere, un consiglio.

Saluti e auguri per tutto.
Grazie David!
Grazie per il tuo impegno di moderare il forum italiano.
Hai capito il senso del mio post, e la tua risposta è comprensibile.

Andrea
Quote
Like
Share