Il corso di sopravvivenza

gfpnt
The King of GFPosters
gfpnt
The King of GFPosters
Joined: September 8th, 2005, 7:41 pm

October 4th, 2006, 5:45 pm #1

Visita il sito della Regione Trentino www.esperienzatrentino.it/

Ogni anno, prima di sbarcare sull'isola dei famosi, i concorrenti partono per un ritiro di allenamento per la preparazione alle sfide con la natura. Quest'anno i nostri naufraghi (Raffaello Balzo , Maurizia Cacciatori , Luca Calvani , Raoul Casadei , Massimo Ceccherini , Claudio Chiappucci , Andrea De Gortes , Domiziana Giordano , Kris&Kris , Fernanda Lessa , Alessandra Pierelli , Sara Tommasi) sono stati nel parco naturale Adamello-Brenta, dal 29 al 31 agosto.

Robinson li ha spiati e ci ha riportato tutte le sensazioni di quei giorni.
Milano: c'è un pullman che aspetta Simona Ventura, Paolo Brosio e i dodici vip. Dopo un momento di confusione salgono e, in un'atmosfera da gita scolastica, si dirigono verso l'autostrada. Destinazione: Molveno.
Ci si avvicina, si incrociano i primi sguardi, le prime occhiate, per capire, analizzare, studiare. Chi potrebbe essere l'ideale compagno di avventura? Chi fungerà da capro espiatorio? E chi da leader? Neanche il tempo di dare le risposte che già tra i sedili scoppiano le risate, le chiacchiere, le confidenze. Nelle stazioni di servizio, sull'autostrada A4, Alessandra Pierelli, Kris&Kris e Raoul Casadei si aggirano tra gli scaffali e la gente incuriosita vocifera: "Sono quelli dell'isola! Dell'isola dei famosi".

Arrivati all'Hotel **** Baita vengono assegnate le stanze. Le carte si mescolano, e i concorrenti si trovano compagni di stanza, inquilini casuali, di quelli che saranno i loro avversari, gli amici o gli antagonisti di un'avventura che li porterà a convivere su pochi metri quadrati di spiaggia. Le formazioni: Raffaello Balzo, Luca Calvani e Massimo Ceccherini, Aceto, Claudio Chiappucci e Raoul Casadei, Alessandra Pierelli e Domiziana, Fernanda Lessa e Sara Tommasi, e nella tripla Kris&Kris e Maurizia Cacciatori. In realtà è da qui che parte la vera avventura: si inizia a socializzare davvero.

Dall'hotel, in località Pradel a Molveno, cittadina alle porte della catena centrale delle Dolomiti di Brenta, si beneficia degli influssi positivi della natura. In questa location, del tutto speculare alle bellezze marittime dell'Honduras, si respira un'aria frizzante e pulita che l'emozione rende ancora più briosa. L'accoglienza riservata a Simona è davvero appassionante: la titolare dell'albergo l' abbraccia commossa e incredula. Simona Ventura non resiste e con la carica di energia che la contraddistingue le risponde: "Signora, non faccia così, sennò qui mi metto a piangere!".

La prima sera, subito dopo cena, la produzione spiega ai personaggi le regole del gioco, tra le domande e le perplessità dei vip. Le facce si trasformano in punti interrogativi. E tra la manina alzata di Fernanda Lessa che, con difficoltà impone la sua voce sul gruppo, e le battute ironiche di Massimo Ceccherini, le raccomandazioni della produzione arrivano a destinazione, o così pare. Il regolamento è stato sviluppato in ogni suo punto, sembra di essere arrivati alla conclusione, quando Domiziana esordisce dicendo: "Ma posso portare la maschera e le pinne?". Tutti scoppiano in una fragorosa risata e pensano ad un naufrago con le pinne, fucile ed occhiali.

La mattina seguente sveglia presto: trucco, parrucco e di volata sulla bidonvia per raggiungere il lago di Molveno. Il bacino di acque limpide, una straordinaria alternanza di sfumature cromatiche di blu e verde, crea uno sfondo perfetto per le foto ufficiali. Luca Calvani è allegro e trasmette il buonumore a tutto il gruppo. Dopo il pranzo ufficiale si svolgono gli incontri con la stampa: flotte di giornalisti raggiungono la località trentina per sfatare ogni curiosità sui famosi.

Arriva il momento del corso di sopravvivenza all'interno di un parco di nuovissima apertura: il Forest Park. Il percorso prescelto è impegnativo, con passaggi attrezzati che richiedono grande bravura e determinazione. Tra le prove realizzate ci sono: la "Rete dei pirati", una scacchiera verticale di funi tirate, "Spiderman", una discesa lungo una corda tesa che lascia i personaggi sospesi, a gambe nel vuoto; e anche il "Ponte dell'equilibrista", un'intelaiatura fatta con tre funi, una per i piedi e due laterali per le mani. Maurizia Cacciatori è la più agile; Sara Tommasi, dopo il timore iniziale che la blocca, riesce comunque a superare le prove. Anche Domiziana ha paura ma poi si lancia con la "Liana di Tarzan". Tra gli uomini, invece, Raffaello Balzo si dimostra agile e scattante, tanto che Luca Calvani lo sottolinea: "Sembra che lo faccia a casa tutti i giorni". Raoul Casadei e Aceto si aggirano per l'albergo ridendo, quasi per demonizzare il terrore che li assale. Sono tesi ma anche loro, da veri uomini, passano l'esame.

Roberto Lorenzani, Istruttore Nazionale della Federazione Italiana Survival-Outdoor, tiene il suo corso teorico sulle tecniche di sopravvivenza. Il machete diventa oggetto di curiosità per tutti: è un leit motiv del programma, un arnese che ha fatto da testimone, passando di mani in mani . E i nuovi naufraghi lo impugnano emulando le gesta dei predecessori. Anche l'accensione del fuoco non è una cosa da tutti i giorni, almeno senza accendino. Ci vogliono tre persone per riuscirci. I numerosi tentativi sembrano fallire uno dopo l'altro e Claudio si aggira per la stanza ammettendo: "Non ce la faremo mai!". Sembra finire così, quando un ultimo tentativo anima Alessandra, Luca e Raffaello. Con un impegno vitale, anima e corpo, i tre ragazzi ce la fanno: il fuoco si accende. Alessandra soddisfatta, prima di allontanarsi con i suoi amici, dichiara: "Da oggi in poi, potete chiamarci 'quelli del fuoco'!".

Tra un impegno e l'altro arriva l'ora della partenza: baci, abbracci e tutti di nuovo sull'autobus. I tre giorni del ritiro sono volati e qualcuno sembra davvero dispiaciuto. Peccato non aver visto l'unico vero abitante del parco: l'orso bruno. E ora parte l' avventura: non è più teoria, ma vita vera. Chi resisterà vivrà!
Quote
Like
Share